Debito pubblico italiano

mercoledì 17 febbraio 2016

Stop! alle discriminazioni sul lavoro per motivi legati all'età anagrafica

Chi, non più giovanissimo, si trova nella condizione di dover cercare LAVORO trova molto spesso le porte chiuse.
Si tratta di una DISCRIMINAZIONE incivile legata all’età anagrafica.
Purtroppo, ACCADE che, quotidianamente, centinaia di migliaia di uomini e donne nostri concittadini alla disperata ricerca di un’occupazione subiscono, a causa della loro non più giovane età, mortificazioni alla loro dignità.
Sarebbe auspicabile che i giornali e la stampa in genere rifiutassero l’inserzione di offerte di lavoro con esplicito riferimento all’età anagrafica.
Il LEGISLATORE su tale problematica è disattento se non complice: Ad oggi, non risulta alcun disegno di legge depositato in Parlamento, mentre nel Regno Unito (Inghilterra, Galles e Scozia) già dal 1 ottobre 2006 è in vigore una normativa l‘ (Employment Equality “Age” Regulations) che vieta qualsiasi forma di discriminazione basata puramente e semplicemente sull` eta.
Si è coniato anche un neologismo per indicare tali discriminazioni vietate: “Ageism”, termine che potrebbe tradursi con “anzianismo”.
Una tale normativa è in linea con l` attuale evoluzione demografica dei Paesi occidentali, caratterizzata dall` allungarsi della vita media, inclusa la vita produttiva, e dall` esigenza di adattarsi alle nuove necessità che questa evoluzione genera.
Si tratta di una profonda rivoluzione, anche culturale, in ambito lavorativo anglosassone; infatti ad ogni persona, giovane o anziana, viene per la prima volta attribuito il diritto, legalmente sanzionato, a non subire discriminazioni basate sulla rispettiva età anagrafica.
E' compito di uno Stato civile svolgere un’azione sociale per consentire ai cittadini (indipendentemente dal sesso, dalla razza, dalla lingua, dalla religione, dalle opinioni politiche, dalle condizioni personali e sociali, [e DALL‘ ETA‘ ANAGRAFICA] ) di lavorare, essendo il lavoro, da un lato, il mezzo per assicurare agli stessi sussistenza e benessere, dall’altro, una delle principali forme di estrinsecazione della personalità umana.
Un grazie ad Angela Goodwin (nella foto) per la sua meravigliosa sensibilità
http://italiavivibile.ilcannocchiale.it/2010/08/16/stop_alle_discriminazioni_sul.html 

Nessun commento:

Posta un commento